La Grande Bellezza, un’imperfetta perfezione

di isayblog4

Prima di poter dare un qualsiasi giudizio su La Grande Bellezza di Paolo Sorrentino è necessario fare una piccola premessa: La Grande Bellezza non è un film su Roma e non è un omaggio a Fellini. La Grande Bellezza è l’espressione iconica del genio di Paolo Sorrentino.

Nessuna storia, nessun racconto, nessun filo conduttore, nessun giudizio, ma una serie di episodi e situazioni e personaggi che sono la rappresentazione di un’epoca decadente e malata. Roma sì, la si vede e la si ama – bellissima nei suoi scorci e nei suoi segreti – ma è la carrellata umana che ci propone Paolo Sorrentino a fare la grandezza di questa pellicola.

La Grande Bellezza non è un film facile. E’ lungo, e in alcuni punti la sceneggiatura sembra inciampare e perdersi in tempi morti e vuoti, non c’è suspence, non ci racconta la storia di nessuno. La Grande Bellezza è immobile in un presente che solo a volte si ricorda del suo passato, ma quando lo fa è solo per rimarcare l’immobilità dell’adesso.

La Grande Bellezza è Jep Gambardella. Toni Servillo è maestoso nella sua interpretazione. Pigro ed indolente, elegante e decadente, colto ed intelligente, quanto cinico ed annoiato. L’interpretazione di Servillo è teatrale, è intelligente, geniale. Perfetto nall’accento e nelle espressioni, conduce tutti i comprimari per mano e riesce a dare un senso anche a tutti quei personaggi che Sorrentino porta sullo schermo anche solo per pochi attimi.

Carlo Verdone e Sabrina Ferilli. L’amico di sempre di Jep l’uno e il suo tramite per il reale l’altra. Carlo Buccirosso, venditore di giocattoli, cinico e fiero di esserlo. Iaia Forte che esprime ciò con dice con le sue espressioni. Pamela Villoresi e Galatea Ranzi, radical chic sbugiardate. Roberto Herlitzka icona della spiritualità perduta.

Anita Kravos prende a capocciate un acquedotto – con pube tinto di rosso con tanto di falce e martello – ma non vuole parlare delle vibrazioni. Isabella Ferrari che alla domanda ‘Cosa fai nella vita?’ risponde: ‘Io sono ricca’. Serena Grandi con il sangue che le cola dal naso.

E tutti gli altri, troppi per elencarli tutti. Come poteva esserci una storia?

Ci sono tutti loro e le splendide immagini – alla direzione della fotografia c’è Luca Bigazzi –  che Sorrentino porta sullo schermo e che ti catturano dall’inizio alla fine. La Grande Bellezza non è un film, non almeno nel modo in cui lo si intende,  ma è un quadro, una serie di quadri, confusamente messi uno dietro l’altro senza alcun apparente filo conduttore (uno ci sarebbe, ma è troppo debole per essere il fondamento di due ore abbondanti di film).

Sorrentino ha fatto sfoggio di sé e della sua padronanza del mezzo espressivo e non ha voluto raccontare nulla, fa una domanda ma non dà una risposta, né personale, né universale, né artistica. E’ solo un trucco.

Solo un trucco.

Commenti (4)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>