Festival di Roma 2011, nessun riconoscimento agli italiani. Bolle: “Quelli premiati erano i migliori”, Pupi Avati critico