Festival di Roma 2011, applausi per Pupi Avati