Bellas Mariposas, tre clip dal film di Salvatore Mereu

di Pina

Salvatore Mereu prova a portare sullo schermo un romanzo. Non un romanzo qualsiasi, ma un romanzo scritto in dialetto sardo che parla di una ragazzina, con tutti i sogni e le speranze delle ragazzine, della sua amica del cuore e delle condizioni nelle quali si trova a vivere nella sua casa alla periferia di Cagliari.

Una storia, quindi, che sta allacciata a doppio giro con la realtà dove si svolge, ma il bello della settima arte è anche questo, nel rompere quei confini imposti da tempo e spazio.

Mai, nella letteratura sarda, tanta grazia e tanta leggerezza si erano coniugate ad accadimenti anche drammatici: ogni più piccolo episodio della giornata di Cate e di Luna, anche quello più vicino alla peggior cronaca, è sempre stemperato da un’ironia sottile e da una capacità di sorridere di se stessi rara nella nostra letteratura e nel nostro vissuto almeno quanto l’intrusione continua della lingua parlata in quella scritta.

In questo Atzeni può essere considerato, a buon diritto, l’apripista, il padre della nuova letteratura isolana, per esplicita ammissione anche di coloro che lo hanno succeduto e a cui hanno manifestato dichiaratamente di ispirarsi. Eppure qui sta il paradosso, l’errore più grande: trattare Bellas Mariposas e Sergio Atzeni solo come una faccenda isolana da dibattere tra conterranei.

E’ questo il presupposto di partenza di Salvatore Mereu. Un punto dal quale parte per portare una storia piccola e lontana alla portata di tutti, cercando di trasferire sullo schermo le potenti immagini scritte da Atzeni che, nella loro forza rappresentativa, vanno al di là della lingua e della terra.

E’ la lingua il nodo della narrazione, quella lingua che si nutre continuamente degli idiomi del luogo e li promuove a nuova forma scritta attraverso il ricorso ad una voce narrante attraverso la quale la protagonista ci racconta il suo mondo, costantemente minato dalle continue sopraffazioni degli adulti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>