I premiati italiani del Festival di Cannes 2013

di Pina

La Grande Bellezza di Paolo Sorrentino ha convinto la giuria e il pubblico di Cannes, ma la concorrenza per la Palma d’Oro era talmente alta che l’unico film italiano in concorso al Festival di Cannes non si è aggiudicato nessun premio e neanche nessuna menzione speciale.

Ma Cannes non è solo Palma d’Oro e gli italiani presente, fortunatamente, hanno saputo tenere alta la bandiera italiana.

La delusione c’è, ed è ancora forte, anche perché avevamo particolarmente apprezzato La Grande Bellezza e la strabiliante interpretazione di Toni Servillo nei panni di Jep Gambardella. Pazienza, ci rifaremo in futuro.

Anche perché, a quanto pare, il cinema italiano piace a Cannes. Magari non così tanto da assegnare i premi maggiori agli italiani, ma comunque non si può dire che il risultato che i nostri hanno raggiunto a questo Festival di Cannes 2013 sia da poco conto.

Un esempio? La doppia vittoria di Salvo, il documentario diretto a quattro mani da Fabio Grassadonia e Antonio Piazza che ha sbancato a La Semain de la Critique, aggiudicandosi il Gran premio e il premio come miglior film rivelazione.

Ma anche Valeria Golino ha ottenuto un premio molto importante. Il suo Miele, interpretato da Jasmine Trinca, è riuscito a portarsi a casa la Menzione Speciale della Giuria Ecumenica, un risultato doppiamente importante dato il tema impegnativo ed impegnato – il suicidio assistito – del film della Golino.

L’ultimo riconoscimento, ma solo in ordine di tempo, è quello assegnato a Adriano Valerio per il cortometraggio 37°4 S. Per lui, la Menzione Speciale della Giuria per il Miglior Corto.

37° 4 S – Il trailer

Commenti (1)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>