Posti in piedi in paradiso, Carlo Verdone descrive i personaggi

di Diego Odello

Carlo Verdone parla di Posti in piedi in paradiso, il film prodoto da Luigi e Aurelio De Laurentiis, che lui ha diretto e interpretato, in un’intervista rilasciata a La Repubblica. Il regista, che nel film tratta le disavventure di tre padri single, rivela:

La settimana dopo aver annunciato il film, qui a casa sono arrivati sacchi di lettere. Pensavo fossero attori in cerca di ruolo, erano padri che volevano incontrarmi, raccontarmi le loro storie perché le inserissi nel film. Ma ho tenuto il timone saldo sulla commedia. Feroce, ma anche affettuosa nei confronti di questi uomini che spesso hanno sbagliato, ma che pagano duramente la loro condizione. Il risultato mi sembra faccia ridere molto.

Verdone descrive i personaggi principali:

Marco Giallini, Pierfrancesco Favino e io siamo i tre padri. Giallini è il cialtrone. Lavora in un’agenzia immobiliare che un tempo possedeva ma ha perso al gioco. Io e Favino cerchiamo casa, lui capisce che siamo alla canna del casa. Alla prima occasione ci propone la convivenza: 250 euro a testa. Un appartamento sopra la metropolitana, a ogni passaggio di treno sembra il terremoto dell’Aquila … Pierfrancesco è un critico cinematografico in disgrazia. Ne ha fatta una grossa, la moglie, Nicoletta Romanoff, l’ha lasciato e l’editore lo ha declassato al gossip. Io sono un discografico in disgrazia che vive nella malinconia del passato. Dissanguato dalle richieste di alimenti della moglie francese, Diane Fleri, che ha portato con sé la figlia a Parigi. Ho aperto un negozio di vinili, ne vendo pochi.

Photo Credits | Getty Images

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>