La scoperta dell’alba: Susanna Nicchiarelli spiega le differenze tra il film e il romanzo

di Diego Odello

Susanna Nicchiarelli parla a La repubblica de La scoperta dell’alba, il drammatico prodotto da Fandango con Rai Cinema, che sta girando attualmente a Roma tra l’Eur, Tor San Lorenzo e l’Università di Roma. Il film si differenzia dal libro di Walter Veltroni da cui trae ispirazione sostituendo i protagonisti con due sorelle:

La scelta di due sorelle è più cinematografica, abbiamo aggiunto personaggi e situazioni, aggiornato i tempi. Del libro è rimasta la telefonata, l’intreccio tra oggi e il passato, la ricerca della verità, il thriller, l’elemento fantastico caro alla cultura cinematografica di Veltroni … Con il produttore Procacci ne abbiamo parlato con Veltroni. Ha capito la necessità dei cambiamenti, una volta è venuto sul set ed era contento.

Nel cast figurano Margherita Buy, Sergio Rubini, Gabriele Spinelli, Lina Sastri, Sara Fabiano e Anita Capucci Scudery. La regista interpreta Barbara, una delle due sorelle (l’altra è Caterina):

Il mio personaggio, con il passato ha chiuso, fa la manager del gruppo dei Gatto Ciliegia, è innamorata, vuole andare avanti nella vita. Caterina ha seguito le orme del padre, fa l’assistente universitaria, è ossessionata dalla ricerca della verità, attraverso il dialogo con se stessa bambina vorrebbe modificare il passato mettendo a rischio il presente.

Commenti (2)

  1. Volevo segnalarvi un errore. Avete scritto “Gabriele Spinelli (Gipi)”, ma Spinelli è l’attore, non è il fumettista Gipi, il nome di Gipi è Gian Alfonso Pacinotti.

    1. @sere: Svista corretta, grazie per la segnalazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>