Festival di Roma 2012, il punto di Marco Muller