Passione sinistra cancella Santa Maradona

di Pina

Marco Ponti è stato il fortunato autore di Santa Maradona. Un’opera prima che, all’epoca della sua uscita, fece sperare nella comparsa di un nuovo e bravo regista.

Poi Ponti ha portato al cinema A/R Andata + Ritorno e sono iniziati a sorgere i primi dubbi che questa possibilità potesse realizzarsi. Con Passione Sinistra Ponti li ha fugati tutti questi dubbi, trasformandoli in un’amara certezza.  Passione Sinistra è una commedia leggera, se così la si vuole definire, anche se la definizione è piuttosto ambiziosa, che secondo le intenzioni del regista avrebbe dovuto prendere di mira gli stereotipi socio-politici italiani che dividono la destra dalla sinistra mostrando la loro inutilità nel mondo moderno attraverso l’incontro scontro dei due protagonisti della vicenda amorosa che infarcisce il film: lei idealista di sinistra (Marco Ponti non ci dà neanche il tempo di scoprirlo da soli, è lei stessa a dircelo all’inizio del film), lui arrogante di destra che si incontrano per caso, si odiano e poi si lasciano andare alla passione.

Tutto qua. Ma proprio tutto qua.

Un grande peccato che questo film rimanga così tanto in superficie. Lo spunto narrativo c’era, anche se debole, e Marco Ponti lo avrebbe potuto affrontarlo con lo stesso piglio utilizzato in Santa Maradona restituendoci una pellicola divertente e originale che davvero destrutturasse gli anacronistici dualismi tra destra e sinistra, tra rosso e nero, sopratutto in relazione alla situazione socio-politico-culturale dell’Italia.

E invece il regista non riesce neanche a ricreare quegli stereotipi che vorrebbe distruggere: ha talmente tanta paura che lo spettatore non li comprenda che li ce li dice già sulla locandina.

Salviamo il salvabile: Eva Riccobono che riesce ad incarnare il suo stereotipo quasi fino alla perfezione e Glen Blackhall, nei panni di Andrea Splendore, candidato sindaco di Roma, nella sua interpretazione tanto surreale da essere la più credibile di tutte.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>