Multiplex, il nuovo film di Stefano Calvagna in sala dal 27 giugno – Il trailer

di Pina

Stefano Calvagna è uno dei registi indipendenti italiani più quotati nel panorama internazionale. Il suo esordio dietro alla macchina da presa lo ha avuto come assistente alla regia per la serie televisiva Beverly Hills 90210.

Da lì ha preso il via la sua carriera che si è divisa tra regia, sceneggiatura, produzione e anche molti ruoli da interprete, fino ad arrivare ad adesso che Stefano Calvagna porta al cinema Multiplex, la sua ultima fatica.

Multiplex sarà nelle sale a partire da giovedì 27 giugno e racconta la storia di sei giovani che rimarranno volontariamente chiusi all’interno di un cinema multisala. Il loro inizia come un gioco, ma la conclusione di questa avventura sarà davvero inaspettata.

Protagonista della pellicola è Niccolò, un ragazzo di ventidue anni che è appena riuscito a guarire da un forte esaurimento nervoso.

Multiplex – Il trailer

Insieme a Viola, la sua migliore amica, decide di andare a vedere un thriller, genere di cui Niccolò è particolarmente appassionato. Insieme ad altri quattro amici (Ambra, Valerio, Mattia e Clelia), si incontrano nel più grande Multiplex della città, un enorme multisala sul quale circolano varie sinistre leggende metropolitane.

Lì i ragazzi incontrano la Guardia del cinema, un uomo dalla maniacalità estrema, che considera sua missione mantenere l’ordine all’interno del multisala. Dopo il film, il gruppo decide, per gioco e per sfida nei confronti della Guardia, di passare la notte nel cinema.

I sei ragazzi rimangono così intrappolati nel Multiplex assieme all’ambigua Guardia, il quale però nasconde un macabro segreto. Partiti con l’idea di un gioco innocente, i ragazzi si troveranno ad affrontare un nascondino mortale con un susseguirsi di colpi di scena.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>