Michele Placido: “In Italia impera la commedia”

di Diego Odello

Michele Placido intento a preparare Le Guetteur, il gangster movie da quasi quindici milioni di euro di budget che si girerà a Parigi fino agli inizi di settembre, critica la realtà cinematografica italiana in un’intervista rilasciata a La Stampa:

Mi godo questo mio primo film francese, in un clima di lavoro ideale. Tutti qui si interessano davvero al cinema, non nell’ora degli incassi, ma sin dai primi ciak … Questo film potrebbe essere l’inizio d’un mio percorso francese … Da noi, ormai, impera la commedia. Per produttori e pubblico italiani, un film non è un film se non è commedia. Sono le mode del momento, alimentate dai box office. Non so come se la caveranno, adesso, i registi non allineati, anche i grandi, che vogliono realizzare lì il loro cinema.

Tornando a Le guetteur: Il film, che annovera nel cast, oltre a Daniel Auteuil, Mathieu Kassovitz e Fanny Ardant, anche gli italiani Luca Argentero (il gangster) e Violante Placido (la fidanzata del Gangster), si aggiunge a Romanzo criminale e Vallanzasca i fiori del male nel filone dedicato alla malavita, che tanto piace a Placido:

E’ un genere che m’attira. Il clima criminale era già in Un eroe borghese. Ma il mio cinema comincia con ambizioni sociali: Pummarò, 20 anni fa, già un pre-Gomorra, sulla piaga dei casalesi e degli immigrati sfruttati. L’attenzione al crimine non dipende, come si può pensare, dal mio passato di poliziotto – ero un ragazzo, a 20 anni ne ero fuori – ma, se mai, dalle esperienze d’attore in La piovra e dall’impegno condiviso con Damiano Damiani, autore di film come Il giorno della civetta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>