La scoperta dell’alba, quando si intrecciano storia e sentimento

di Pina

Esce giovedì 10 gennaio La scoperta dell’alba, film della giovane regista Susanna Nicchiarelli, alla sua seconda prova con un cortometraggio. Il film è tratto dal romanzo di Walter Veltroni che porta lo stesso titolo ed è stato presentato al Festival Internazionale del Film di Roma nella sezione Prospettive Italia.

La regista romana, molto a suo agio con i cortometraggi, ha dato prova, con questa pellicola, di essere anche piuttosto ferrata anche sulla lunga distanza. E c’è da dire che l’argomento con cui si è voluta rapportare non era neanche dei più semplici perché tocca un periodo difficile della storia d’Italia – quello degli anni di piombo e del terrorismo – che la Nicchiareli ha reinterpretato in modo innovativo e, sicuramente, non scontato.

Il film, infatti, racconta la storia attraverso le vicende famigliari dei personaggi che sono stati a vario titolo coinvolti nelle tragiche vicende di quegli anni e lo fa dal punto di vista contemporaneo. Ma ciò che più stupisce, e che dà al film quel valore aggiunto che ormai è così difficile da trovare, è che mescola realtà e fantascienza, passato e presente, storia e sentimento.

Magari il risultato non è un capolavoro – la regista è molto giovane e il film ha molto difetti – ma ci piace che si possa parlare di argomenti tanto seri e difficili con un pizzico di leggerezza, che, in questo caso non guasta, anzi.

Commenti (2)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>