In ricordo di Franca Rame

di Pina

Il mondo dello spettacolo, del teatro e della cultura italiana oggi è a lutto. Non potrebbe essere altrimenti dato che questa mattina ci ha lasciato una delle figure più importanti e significative del panorama italiano.

Franca Rame è morta e la sua dipartita apre una ferita profonda in tutti coloro che hanno amato, e che amano ancora, il teatro e il cinema di qualità, coloro che li considerano un mezzo per parlare e per discutere, per conoscere e per giocare, per denunciare e per approvare.

Franca Rame ha vissuto nutrendosi di grandi e piccoli ideali. Una donna coraggiosa e coerente, forte anche nelle situazioni difficili, che non ha mai fatto bandiera del suo successo e della sua popolarità, se non quando questa poteva essere strumento per realizzare un obiettivo, mai personale, mai votato ad un secondo fine, ma solo per parlare alle menti e alle coscienze, nel suo modo unico di farlo.

La sua vita lo conosciamo: Franca Rame ha sempre vissuto pubblicamente. Fin da piccolissima ha calcato i palchi dei teatri con la madre, il padre, i fratelli e gli zii. Una vita sul palcoscenico, in televisione e al cinema, luoghi nei quali non ha mai nascosto la sua vera natura, quella di donna e attrice impegnata, che lotta per i suoi diritti, e per quelli di tutte le donne, e per quelli delle persone che non possono levare la loro voce per farsi sentire.

Franca Rame ha avuto l’onere e l’onore di poterlo fare e non si è mai tirata indietro da questo compito, con il suo compagno di vita, di scena e di avventura Dario Fo.

Ci ha fatto ridere, ci ha fatto riflettere, ci ha fatto commuovere. Lei era questo, una donna a tutto tondo che non ha mai rinnegato la sua fede politica e civile.

Eletta anche in Senato, presentò le sue dimissioni perché non condivideva la linea di governo.

Condivideva i suoi ideali politici con quelli del marito, con il quale si batteva contro un certo tipo di governo e di modo di intendere la politica, troppo lontano da come lei la politica l’aveva fatta e vissuta negli anni duri, quegli anni in cui la politica era attivismo conscio e consapevole.

Nella sua vita anche una grande passione per il cinema. 12 pellicole in totale, la prima nel 1952 e l’ultima nel 2007. Fra tutte, la più famose è probabilmente Lo Svitato, interpretato insieme all’inseparabile marito.

Il loro non è stato un amore sempre rose e fiori, come in tutte le coppie ci sono stati momenti belli e momenti brutti, ma il loro amore non era effimero, era basato su una condivisione di intenti, di ideali e su un amore fortissimo. Lei lo lasciò anche, e lo fece in diretta da Raffaella Carrà.

Tornarono insieme e continuarono a lottare. Lei lo ha fatto fino all’ultimo, ma la battaglia contro la vita sapeva di non poterla vincere, ma ha lottato fino alla fine.

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>