Forever Young, il nuovo film di Brizzi nelle sale

di Pina

C’è un’umanità eterna e senza tempo. Fausto Brizzi la racconta nel suo nono lungometraggio Forever Young, in cui, dopo aver indagato il mondo degli adolescenti e le dinamiche tra i sessi, inscena un gruppo di personaggi che pensano che negare i limiti del proprio corpo dovuti all’avanzare dell’età sia sufficiente per potersi definire giovani.

Ecco dunque la donna vicina ai cinquanta che si fa tentare, per mancanza di materiale umano adeguato, da una storia con un ragazzo di quasi trent’anni più giovane, eccetto poi accorgersi che l’amore che lui ha da darle è un po’ appiccicoso e imbarazzante. Poi c’è il cinquantenne ben tenuto che vive con una studentessa ma la tradisce con una donna della sua età (impietosamente definita “una vecchia” da un suo coetaneo) con la quale condivide ricordi, gusti musicali e interessi. Nel nuovo film di Brizzi, Forever Young, c’è il dj invecchiato alla consolle a cui l’ultimo fenomeno di you tube ruba facilmente il posto. O ancora il settantenne iperattivo che pretende da sé e dagli altri performance ormai improponibili.

La pellicola mostra una serie di hanno punti di riferimento e nel loro tentativo di stare al passo con un mondo che li ha già superati risultano anche simpatici. Lo sviluppo rapidissimo della tecnologia, i diktat della moda e di una società rovinata dalla televisione, i vip accoppiati con ragazze che potrebbero essere loro figlie o nipoti li ha indotti a provarci.

Sarà interessante andare a vedere il modo in cui Brizzi ha messo in scena questi personaggi, che a ben pensare sono frequenti nelle nostre giornate, sul grande schermo.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>