Addio a Sergio Sollima, tra Sandokan e gli Spaghetti Western

di Pina

È scomparso, all’età di 94 anni, il regista Sergio Sollima. Tutti lo ricordano come la firma del noto sceneggiato tv “Sandokan” e anche come uno degli autori più prolifici del genere Spaghetti Western. 

La camera ardente si terrà venerdì dalle 10 alle 13 presso la Casa del Cinema di largo Marcello Mastroianni a Roma.

Padre di Stefano (A.C.A.B.,Gomorra – La serie, Romanzo criminale – La serie), Sergio Sollima era nato a Roma il primo aprile del 1921 e si era diplomato al Centro Sperimentale di Cinematografia. Aveva iniziato come critico cinematografico e poi come autore teatrale. Finisce poi a firmare alcuni importanti sceneggiature per Domenico Paolella e Guido Malatesta, debuttando alla regia, sul grande schermo, con un episodio di “L’amore difficile”, realizzato insieme a Luciano Lucignani e Alberto Bonucci.

Dai film di spionaggio, che firma con lo pseudonimo di Simon Sterling, passa agli Spaghetti Western, diventando uno dei maestri del genere. In questo caso, fra i film di maggior successo ricordiamo “La resa dei conti” del 1967, con Tomas Millian, e i sequel “Faccia a faccia” del 1967 e “Corri uomo corri” del 1968.

Il successo commerciale raggiunto con “Sandokan”gli consente la produzione di film come “Il corsaro nero”, sempre con Kabir Bedi e Carol Andrè e poi “La tigre è ancora viva: Sandokan alla riscossa”. Fra i suoi ultimi successi, il televisivo “I ragazzi di celluloide”, con Massimo Ranieri, del 1980.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>