Tutti i santi giorni, Paolo Virzì: “Primo film senza cinismo”