L’estate di Giacomo, la colonna sonora del film

di Pietro Ferraro

Lo scorso 20 luglio è uscito nei cinema il pluripremiato L’estate di Giacomo (la recensione del film), il regista Alessandro Comodin tra cinema e documentario esordisce su grande schermo con un vibrante ritratto giovanile che tratta di adoelscenza, amore e disabilità. Dopo il salto vi proponiamo i brani contenuti nella colonna sonora del film.

Siamo nella campagna friulana. È estate. Giacomo, diciotto anni, rimasto sordo da piccolo, e Stefania, sua amica  d’infanzia, sedici anni, vanno al fiume per un picnic. Come in una fiaba incantata, si smarriscono nel bosco per ritrovarsi in un posto paradisiaco, soli e liberi, durante un pomeriggio che sembra durare il tempo di un’estate. 

Un apprendistato dei sensi: non ci si tocca, eppure si è tutti pelle, respiro e soffio. La sensualità accompagna i giochi da bambini, finché Stefania e Giacomo non sentono che l’avventura, che hanno appena vissuto, non è altro che un ricordo dolceamaro di un tempo perduto. 

Una storia d‘amore e d’iniziazione alla vita adulta, dove il presente si mescola al ricordo e il passato risorge con la chiarezza e lo stupore della prima volta. I ricordi non sono solo ciò che ciascuno di noi porta in sé e che improvvisamente ritrova. Sono anche vere e proprie scoperte. Bisogna sapere che noi non vediamo mai le cose una prima volta, ma sempre la seconda. Allora le scopriamo e insieme le ricordiamo.

TRAILER DEL FILM

EGYPTIAN REGGAE – JONATHAN RICHMAN & THE MODERN LOVERS 

SETTING SUN – CHEMICAL BROTHERS

NO ES FOLIA – CASTELLINA PASI (la versione del film è interpretata dalla Collegium Orchestra)

FIFTEEN YEARS AGO – DUPAP

SOMBRERO – LAURA E L’ORCHESTRA HURRA’ (la versione del film è interpretata dalla Collegium Orchestra)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>