Leningrad, Giuseppe Tornatore: “Mi innamorai di quella storia tragica e straordinaria”