I 5 film migliori girati a Cinecittà

di Pina

A Cinecittà sono stati girati più di 3000 film, 90 con nomination agli Oscar e 47 premiati. È un incredibile patrimonio della storia del cinema italiano ma è il caso di dire del cinema mondiale.

“Cinecittà si mostra” è un’esposizione allestita nei suoi studios, divenuta ormai una mostra permanente. Si tratta di una gallery autocelebrativa che ripercorre origini e storia attraverso la proiezione di film, costumi di scena e set di ripresa, con rassegne fotografiche e cimeli appartenuti ai personaggi che vi hanno lavorato, dando il loro contributo alla costruzione della Fabbrica dei sogni.

Un omaggio a quanti hanno partecipato alla realizzazione di questa favolosa realtà. Tanti gli spazi espositivi, al chiuso e all’aperto: dalla Palazzina Direzione Generale alla Palazzina Fellini, passando per il viale Broadway, attraversando il set di “Gangs of New York” girato nel 2002 da Scorsese, fino ai set della Roma imperiale.

Vediamo quali sono i 5 film più belli girati a Cinecittà:

1. Ben Hur  (1959) di William Wyler

Considerato il primo vero kolossal americano moderno. Seguendo il percorso dell’ampio parco di Cinecittà si può ancora vedere la grandiosa statua immagine-simbolo del film.

2. Quo vadis? (1951) di Mervyn Le Roy

Altro gigantesco kolossal plurinominato agli Oscar. Senza tuttatvia vincere alcun Oscar,” Quo Vadis” resta il film che ha utilizzato il maggior numero di costumi, circa 32.000.

3. Il paziente inglese (1996) di Anthony Minghella

Uno dei film più premiati della storia, vincendo, tra gli altri 9 Oscar, tra cui uno per la scenografia.

4. Cleopatra (1963) di Joseph Mankiewicz

Altro film premiato per la miglior scenografia, interpretato da una bellissima Liz Taylor nei panni della regina Cleopatra.

5. Gangs of New York (2002) di Martin Scorsese

Uno dei set più elogiati di Cinecittà, in cui viene interamente ricreata la New York del XIX secolo.

Ce ne sono molti altri di film indimenticabili che sono anche soltanto passati per Cinecittà: dal felliniano “La dolce vita” a “Il barone di Munchausen”, dal musical “Nine” al “Baaria” di Tornatore.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>