Film italiani in sala dal 18 ottobre 2012: Il comandante e la cicogna, Gladiatori di Roma, C’era una volta in America, La strada verso casa

di Pietro Ferraro

Due titoli di richiamo, un gradito ritorno e un’opera prima indipendente, questo è quello che ci offre il cinema italiano in sala di questo giovedì 18 ottobre. In competizione per il botteghino ci sono Il comandante e la cicogna, il nuovo film di Silvio Soldini (Pane e tulipani) può contare su un ricco cast di volti noti che include Valerio Mastandrea, Alba Rohrwacher, Giuseppe Battiston, Claudia Gerini e Luca Zingaretti e il kolossal d’animazione da 35 milioni di euro Gladiatori di Roma in 3D prodotto e diretto da Iginio Straffi (Winx Club 3D).

In cartellone questo fine settimana anche un paio di proposte alternative, torna in sala C’era una volta in America, il capolavoro di Sergio Leone datato 1984 e con protagonista Robert De Niro torna al cinema in una versione estesa e restaurata con 26 minuti di scene extra, mentre per chi vuole puntare sul connubio opera prima e cinema indipendente, in sala c’è anche il drammatico La strada verso casa dell’esordiente Samuele Rossi.

IL COMANDANTE E LA CICOGNA (commedia di Silvio Soldini con Valerio Mastandrea, Alba Rohrwacher, Giuseppe Battiston, Claudia Gerini, Maria Paiato, Luca Zingaretti, Michele Maganza, Giselda Volodi, Luca Dirodi, Giuseppe Cederna, Fausto Russo Alesi, Serena Pinto):

Leo è un idraulico che ogni giorno affronta l’impresa di crescere due figli adolescenti, Elia e Maddalena, dividendosi tra il lavoro con l’aiutante cinese Fiorenzo e le incombenze di casa – dove la moglie Teresa, stravagante e affettuosa, compare e scompare.
Diana è un’artista sognatrice e squattrinata che – in attesa della grande occasione della sua vita – fatica a pagare l’affitto. Suo proprietario di casa è Amanzio, originale moralizzatore urbano che ha lasciato il lavoro per un nuovo stile di vita e che in una delle sue crociate conosce Elia, con il quale stringe una stramba amicizia.
Leo e Diana s’incontrano da Malaffano, un avvocato strafottente e truffaldino. Leo capita nel suo studio quando scopre che la figlia è protagonista suo malgrado di un video erotico su internet, Diana è già da un po’ che passa lì le sue giornate, costretta per necessità economiche ad affrescare una parete, assecondando le ridicole manie di grandezza dell’avvocato.
Le loro storie s’intrecciano in una città emblema del nostro tempo, sotto lo sguardo severo e ironico delle statue di Garibaldi, Verdi, Leopardi, che dai loro piedistalli – da dove ne hanno viste tante – commentano le sorti di un’Italia alla deriva.
E tuttavia qualcuno continua a sognare e a sperare: come Elia, che insegue il volo di una cicogna, simbolo di rinascita e occasione di un nuovo inizio anche per Leo e Diana.

GLADIATORI DI ROMA (animazione di Iginio Straffi con le voci di Luca Argentero, Laura Chiatti, e Belen Rodriguez):

Roma Imperiale. Rimasto orfano in seguito alla terribile eruzione di Pompei, il piccolo Timo viene adottato dal generale Chirone e cresciuto nell’Accademia di Gladiatori più famosa di Roma. Inizia così la storia di un grande eroe?
Nemmeno per sogno, la vita da gladiatore non fa proprio per Timo, la cui unica aspirazione è spassarsela con gli amici Ciccius e Mauritius, sfuggendo alle bizzarre sessioni di allenamento del suo patrigno!
Tutto cambia però quando Lucilla, figlia di Chirone, torna dalla Grecia. Adesso l’unico interesse di Timo è diventare un valoroso gladiatore per conquistare il cuore della sua bella compagna d’infanzia…. e convincere Chirone ad accettare lui come promesso sposo. Come fare?
Timo è disperato, ma si imbatte fortunatamente nella personal trainer più “in gamba” di Roma. Fra stregonerie, pazze scorribande nel bosco e terribili addestramenti con l’affascinante Diana, riuscirà Timo a portare a termine la sua impresa?
E se a Roma si dice che “la fortuna aiuta gli audaci”… per Timo si prevedono tempi durissimi!

C’ERA UNA VOLTA IN AMERICA (drammatico di Sergio Leone con Robert De Niro, James Woods, Elizabeth McGovern, Joe Pesci, Tuesday Weld, Danny Aiello, Treat Williams, Burt Young, Richard Bright, James Hayden, William Forsythe, Mario Brega, Darlanne Fluegel, Larry Rapp, Richard Foronjy, Robert Harper, Dutch Miller, Gerard Murphy, Amy Ryder, James Russo):

Il quartiere ebraico della New York anni ’20 costituisce il campo delle imprese di una piccola banda di ragazzini. Li capeggiano Max e Noodles. La strada è il loro regno in cui compiono scippi, furtarelli, ricatti al poliziotto di zona e così via. I ragazzi crescono e, nonostante sia l’epoca buia del proibizionismo, alla loro cassa comune, che hanno istituito in perfetto accordo, affluiscono numerosi proventi che vengono delle loro astute esercitazioni. Noodles è da sempre innamorato di Deborah, una graziosa ragazza ebrea figlia del proprietario di uno dei bar del quartiere, seria e tenace nel suo intento di studiare e di imparare a ballare, per diventare una autentica “star”. La banda fa un salto di qualità quando un tizio la incarica, su commissione di un “boss” di un’altra città, di assaltare e rapinare un laboratorio di diamanti.

LA STRADA VERSO CASA (drammatico di Samuele Rossi con Alessandro Marverti, Cecilia Albertini, Roberta Caronia, Giorgio Colangeli, Maria Teresa Bax, Rita Montes, Massimo Triggiani):

Esistono momenti in cui, d’improvviso, la vita si rompe, si blocca, come in un fermo immagine.
Per Michelangelo, giovane, orgoglioso aspirante scrittore, tutto si arresta con la morte del padre. L’impossibilità di essere finalmente amato e compreso, proprio ora che il suo libro è quasi finito, lo mette di fronte alla necessità di una scelta: rinunciare al suo sogno in nome delle nuove responsabilità verso la madre e l’amatissima sorella Chiara.
Antonio, ricco industriale, abituato ad una vita rigorosa e perfetta, si trova imprigionato nell?eterno presente della moglie Marta, incapace di elaborare il lutto della figlia morta tempo prima.
Giulia, infine, è una giovane madre che, dopo l?incidente del marito avvenuto pochi giorni prima del parto, ha deciso di vivere in ospedale giorno e notte. Lì attende che il marito, Massimo, si risvegli dal coma. Solo allora darà un nome alla loro bambina che, nel frattempo, vive accanto al padre in ospedale.
Le tre storie di Michelangelo, Antonio e Giulia apparentemente così distanti s’intrecciano invece in modo inaspettato. La consapevolezza del dolore da loro la possibilità di tornare a vivere in modo nuovo e, se pur nella sofferenza, di trovare la propria strada verso casa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>