Festival di Roma 2014: i red carpet più belli di queste prime giornate

di Pina

È iniziata giovedì 16 ottobre e si concluderà sabato 25 ottobre la nuova edizione del Festival Internazionale del Film di Roma, con tanto cinema e ospiti interessanti.

In questi giorni si sono susseguiti tantissimi protagonisti del cinema italiani e non e vogliamo quindi proporvi alcuni dei red carpet più interessanti di queste prime giornate di Festival.

Giulio Cesare – Compagni di scuola

In “Giulio Cesare – Compagni di scuola” c’è il racconto di questo noto liceo romano, una storia lunga ottant’anni:

Dalla fondazione dell’istituto in epoca fascista ai giorni nostri. Passando per il Sessantotto e gli anni di piombo. Il tutto, in un mix di intrattenimento, storia, attualità e informazione, raccontato direttamente dalle voci di quei tantissimi che hanno affollato le aule dell’istituto. Dagli ex allievi più celebri (di cui il documentario svela pagelle e voti di maturità) fino agli studenti del 2014. Con il preziosissimo apporto di cinegiornali, servizi tv e quotidiani. 

I milionari

“I milionari” è il noir partenopeo di Alessandro Piva, che torna dietro la macchina da presa per un film di genere davvero potente:

Ascesa e caduta di un clan criminale napoletano attraverso il racconto di un boss e della sua famiglia, scissa tra l’aspirazione a una vita borghese e le pulsioni profonde della sopraffazione. Trent’anni di storia di una delle città più belle e discusse del mondo. Il sogno di un ragazzo che si fa travolgere dalla brama di un potere fine a se stesso, per diventare l’incubo di un uomo e di chi gli vive accanto. Un film corale e potente, come il miglior cinema di genere italiano. Con un cast che comprende Francesco Scianna, Valentina Lodovini e Salvatore Striano.

Time out of mind

“Time out of mind” è il film che vede protagonista un inedito Richard Gere, in un ruolo sofferto e intenso:

George è un uomo disperato. La vita sembra essersi dimenticata di lui. Senza un posto dove andare, si ritrova alla deriva tra le strade inospitali di New York City. Fallite tutte le possibilità di trovare un alloggio, cerca rifugio al Bellevue Hospital, il più grande centro di accoglienza per senzatetto di Manhattan. George entra in contatto con la crudele realtà degli emarginati. L’amicizia con uno degli ospiti del centro gli restituisce la speranza di poter ricostruire il difficile rapporto con la figlia che non vede da molti anni.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>