“Accattone”, la cruda realtà secondo Pasolini