Giulio Andreotti e il cinema italiano, un rapporto di amore e di censura