“Il 25% della sale chiuderà”. La protesta del cinema sardo