“C’è ancora domani” ed il benefattore di Lodi