Addio a Virna Lisi, la signora del cinema italiano

di Pina

È stata da poco data la conferma della morte di Virna Lisa, aveva 78 anni. L’attrice, una delle più belle e talentuose del nostro cinema, aveva iniziato da giovanissima a muovere i primi passi nel mondo dello spettacolo, cominciando con i cosiddetti film “strappalacrime” negli anni ’50.

Verso la metà di quegli anni inizia a lavorare in commedie di successo come “Lo scapolo” con Alberto Sordi, “La donna del giorno” di Francesco Maselli e poi la fama con la pubblicità di Carosello del dentifricio “Chlorodont” e il noto slogan “Con quella bocca può dire ciò che vuole”.

La sua carriera inizia a brillare con diversi sceneggiati RAI, tra cui “Orgoglio e pregiudizio”,  “Ottocento”, “Il caso Maurizius”, “Cenerentola”, “Una tragedia americana”. Dopodiché ritorna al cinema con diverse commedie italiane come “Sua Eccellenza si fermò a mangiare” di Mario Mattoli, “Un militare e mezzo” di Steno, “Il giorno più corto” di Sergio Corbucci.

La Lisi arriva anche in Francia dove recita ne “Il tulipano nero” e “Il delitto Duprè” e nella seconda metà degli anni ’60 debutta persino ad Hollywood, con il film “Come uccidere vostra moglie” con Jack Lemmon e Therry Thomas.

Nella sua carriera ha vinto sei Nastri d’Argento e due David di Donatello.

Nel 2013 aveva perso il compagno di una vita, l’architetto Franco Pesci, evento che l’aveva segnata profondamente.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>